Tasso ex D.Lgs 231/2002 (ritardati pagamenti commerciali)

Interessi legali di mora applicabili nelle "transazioni commerciali". Si intendono per transazioni commercaili i contratti, comunque denominati, tra imprese ovvero tra imprese e pubbliche amministrazioni, che comportano, in via esclusiva o prevalente, la consegna di merci o la prestazione di servizi contro il pagamento di un prezzo.

A

Periodo

B

Tasso complessivo applicabile nei casi diversi da quelli indicati in colonna C)

C

Tasso complessivo applicabile nel caso di contratti aventi ad oggetto prodotti alimentari deteriorabili (*) (**)

D

Note

01/07/2002

31/12/2002

10,35%

(3,35+7)

12,35%

(3,35+7+2)

G.U. n. 33 del

10/02/2003

01/01/2003

30/06/2003

9,85%

(2,85+7)

11,85%

(2,85+7+2)

G.U. n. 33 del

10/02/2003

01/07/2003

31/12/2003

9,10%

(2,10+7)

11,10%

(2,10+7+2)

G.U. n. 160 del

12/07/2003

01/01/2004

30/06/2004

9,02%

(2,02+7)

11,02%

(2,02+7+2)

G.U. n. 11 del

15/01/2004

01/07/2004

31/12/2004

9,01%

(2,01+7)

11,01%

(2,01+7+2)

G.U. n. 159 del

09/07/2004

01/01/2005

30/06/2005

9,09%

(2,09+7)

11,09%

(2,09+7+2)

G.U. n. 5 del

08/01/2005

01/07/2005

31/12/2005

9,05%

(2,05+7)

11,05%

(2,05+7+2)

G.U. n. 175 del

29/07/2005

01/01/2006

30/06/2006

9,25%

(2,25+7)

11,25%

(2,25+7+2)

G.U. n. 10 del

13/01/2006

01/07/2006

31/12/2006

9,83% (2,83+7)

11,83%

(2,83+7+2)

G.U. n. 158 del

10/07/2006

01/01/2007

30/06/2007

10,58%

(3,58+7)

12,58%

(3,58+7+2)

G.U. n. 29 del

05/02/2007

01/07/2007

31/12/2007

11,07%

(4,07+7)

13,07%

(4,07+7+2)

G.U. n. 175 del

30/07/2007

01/01/2008

30/06/2008

11,20%

(4,20+7)

13,20%

(4,20+7+2)

G.U. n. 35 del

11/02/2008

01/07/2008

31/12/2008

11,10%

(4,10+7)

13,10%

(4,10+7+2)

G.U. n. 169 del

21/07/2008

01/01/2009

30/06/2009

9,50 %

(2,50+7)

11,50%

(2,50+7+2)

G.U. n. 26 del

02/02/2009

01/07/2009

31/12/2009

8,00 %

(1 + 7)

10,00%

(1+7+2)

G.U. n. 199 del

28/08/2009

01/01/2010

30/06/2010

confermato 8%

confermato 10%

G.U. n 40 del

18/02/2010

01/07/2010

31/12/2010

confermato 8%

confermato 10%

G.U. n. 190 del

16/8/2010

01/01/2011

30/06/2011

confermato 8%

confermato 10%

G.U. n. 31 del

8/2/2011

01/07/2011
31/12/2011

8,25%
(1,25+7)

10,25%
(1,25+7+2)

G.U n. 165 del
18/7/2011

01/01/2012
30/06/2012

8,00%
(1 + 7)

10%
(1+7+2)

G.U. n.22 del 27/1/2012

01/07/2012
31/12/2012

confermato 8%
(1 + 7)

confermato 10%
(1+7+2)  (*) (**)

G.U. n. 162
del 13/7/2012

01/01/2013

30/6/2013

8,75%
(0,75 + 8)

10,75
(0,75+8) +2  (**)

G.U. n. 14 del 17/01/2013

01/07/2013
31/12/2013

8,50%
(0,5+8)

10,50%
(0,5+8) + 2 (**)

01/01/2014
36/06/2014

8,25%
(0,25+8)

10,25%
(0,25+8) + 2 (**)

G.U.51 del 3/4/2014

 01/01/2014
31/12/2014

 8,15%
(0,15+8)

 10,15%
(0,15+8) + 2 (**)

 01/01/2015
30/06/2015

 8,05% (0,5 + 8)

 10,05%
(0,15+8) + 2 (**)

01/07/2015
31/12/2015
8,05 % (0,5 + 8) 10,05% fino al 3/7/2015 (ossia 0,15+8+2 )(**)
12,05% dal 04/7/2015 (ossia 0,15+10+2) (***)
G.U. 167 del 21/7/2015
01/01/2016
30/06/2016
come sopra come sopra  
01/07/2016 al ... 8,00% (0 + 8) 12,00% (ossia 0 + 10 + 2) (***)  
... fino al 31/12/2018 come sopra come sopra G.U. 158 del 10/7/2018

(*) La maggiorazione del 2% relativa ai contratti aventi ad oggetto la cessione di prodotti alimentari deteriorabili (prevista dal previgente comma 3 dell'art. 4 del D.Lgs 231/2002) non è più applicabile a partire dal 25/10/2012 (art. 62 , co11-bis, del D.L.  n. 1/2012 convertito con modificazioni dalla L. n. 27/2012). Da tale data è prevista l'applicazione della maggiorazione di ulteriori 2 punti prevista dall'art. 62, co.3, del D.L. 1/2012 (vedi nota seguente).
(**) La misura è maggiorata di ulteriori 2 punti percentuali ed è inderogabile per i contratti che hanno ad oggetto la cessione di prodotti agricoli e alimentari (art. 62, co.3, D.L. 1/2012), fino al 3/7/2015.  (***) Per i prodotti agricoli e alimentari  la maggiornazione base non è di 8 punti ma sale a 10 punti dal 04/07/2015 (modifiche introdotte all'art. 62 del D.L. 1/2012, dal D.L. 51/2015)  

Contratti di subfornitura ex L. 192/98
In caso di mancato rispetto del termine di pagamento il  committente deve al subfornitore, senza bisogno di costituzione in mora,  un  interesse determinato in misura pari al saggio d'interesse del  principale  strumento di rifinanziamento della Banca centrale  europea  applicato  alla  sua  più recente operazione di rifinanziamento principale effettuata il primo giorno di  calendario  del  semestre  in  questione,  maggiorato  di  otto   punti percentuali, salva la pattuizione tra le parti di interessi moratori in misura superiore e salva  la  prova  del  danno  ulteriore.  Il  saggio  di riferimento in vigore il  primo  giorno  lavorativo  della  Banca  centrale europea del semestre in questione si applica per i successivi sei mesi. Ove  il ritardo nel pagamento ecceda di trenta giorni il termine  convenuto,  il committente  incorre,  inoltre,  in  una  penale  pari  al  5   per  cento  dell'importo in relazione al quale non ha rispettato i termini (art. 3, co. 3, L. 192/98).

Stampa Email

Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza (VI) - Tel. 0444 232210 - Fax 0444 960835 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - C.F.80014910246