- Note di variazione Iva (art. 26 dPR 633/72)

La diciplina delle note di variazione (in aumento o in diminuzione) riepetto ad una operazione originariamente fatturata è contenuta nell'articolo 26 del dPR 633/72. Nel caso di variazione in aumento l'emissione della nota di addebito (fattura integrativa) è sempre obbligatoria a prescindere dal motivo e dal momento (ciò non significa però che - a seconda dei casi - la varizione non possa dare origine a sanzioni laddove sia stata commessa omessa i tutto o in parte l'operazione originaria). Le note di variazione in dimiminuzione, invece, vanno emesse a scelta del fornitore (il recupero dell'Iva non è un obbligo) nel riispetto dei termini e delle condizioni previste nel comma 2 e nel comma 3.

Raccolta approfondimenti
- Nota di credito per differenza prezzi e recupero Iva (Apiweekly 20180130FZ02) - clicca qui 
- E-fattura: note di variazione senza i segni (Apiweekly 201904N4) - clicca qui
- La competenza Iva di una nota di credito emessa (ancorché nei termini) nell'anno successivo alla variazione (Apiweekly 2021N301 ) - clicca qui
-
 DL Sostegni-bis: recupero Iva immediato per i nuovi fallimenti a paritre dal 27/5/2021 (Apiweekly 202106N1) - clicca qui
  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Tutti i diritti sono riservati.