Legale, Banche Popolari

ASSISTENZA PER EVENTUALE INSINUAZIONE AL PASSIVO BANCA POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA - URGENTE

In merito alla vicenda in oggetto si segnala che taluni prospettano l’ipotesi per soci e/o obbligazionisti anche, e soprattutto, laddove i citati soci siano contestualmente debitori delle banche in oggetto, di procedere con la presentazione di istanze per l’insinuazione al Passivo della procedura di liquidazione coatta amministrativa decretata con il decreto del Governo dello scorso 25 giugno. Va subito evidenziato che la possibilità per i meri soci (azionisti) di vedere riconosciute proprie rivendicazioni è tecnicamente molto remota tuttavia non può essere esclusa in senso assoluto anche per gli effetti di azioni giudiziali “trasversali” che taluni avrebbero prospettato di avanzare.

In tale contesto l’Associazione, grazie alla collaborativa disponibilità dell’Ufficio legale di Crediter Srl (società specializzata nel recupero crediti), segnala la disponibilità di Crediter ad assistere le aziende associate (ed i loro soci) nella presentazione dell’istanza in oggetto. Il prezzo per tale servizio (limitatamente alla suddetta istanza) riservato agli associati Apindustria è forfetizzato in € 500 + Iva per singola istanza. I tempi, tuttavia, si paventano estremamente ridotti ed eventuali manifestazioni di interesse per fissare un appuntamento al riguardo potranno essere prese in considerazione ESCLUSIVAMENTE ENTRO E NON OLTRE MARTEDI’ 01/08/2017 formulando la richiesta (completa dei propri contatti) attraverso il seguente link: https://goo.gl/forms/m7k1jA6tChtysxUt2

N.B. NEL CASO DI UN NUMERO ECCESSIVO DI RICHIESTE, NON GESTIBILI, SARANNO CONSIDERATE LE MANIFESTAZONI ESCLUSIVAMENTE IN ORDINE DI PRENOTAZIONE.

NOTE PER ACCEDERE AL SERVIZIO DI CREDITER
  1. Questioni operative
La redazione delle singole richieste di credito (Istanza di Ammissione al Passivo) di cui all’art. 86 comma 5 T.U.B., dovrà essere presentata ai Commissari Liquidatori delle rispettive banche entro e non oltre il 24.08.2017, attesa la ritenuta pubblicazione in G.U. del decreto avvenuta in data 25.06.2017.
In considerazione dell’imminente termine sopra indicato e del particolare periodo dell’anno, gli incarichi da parte degli associati dovranno pervenire entro e non oltre il 01.08.2017, unitamente alla necessaria documentazione, indicata al successivo punto.
Presumibilmente interessati a fare accertare il proprio credito (Istanza di Ammissione al Passivo), saranno i possessori di azioni BPVI o VB e i titolari di obbligazioni subordinate.

Quanto all’aspetto probatorio, per la predisposizione della domanda di ammissione (richieste di credito), l’associato dovrà presentare la seguente documentazione in relazione alla casistica che lo riguarda (almeno la contrattualistica a monte e contestuale ai singoli acquisti di titoli, nonché l’attestazione dell’attuale possesso).

* Contratto deposito titoli (può essere incluso nel contratto quadro)
* Contratto di intermediazione finanziaria (o contratto quadro)
* Questionario MIFID originario ed eventuali successivi aggiornamenti
* Manifestazione di interesse aumento di capitale
* Ordini di acquisto, schede adesione, preordini
* Comunicazione avvenuta assegnazione azioni
* Prospetto informativo titoli acquistati sottoscritto dal cliente
* Note informative
* Fissati bollati
* Modulo domanda cessione azioni non eseguita (se sono state messe in vendita)
* Estratto posizione azionaria (in caso di azioni acquistate in più momenti nel tempo)
* Attestazione attuale possesso dei titoli (azioni e/o obbligazioni)
* Contratti collegati alla sottoscrizione azioni (finanziamento, mutuo, etc...)
* Verifica poteri rappresentanza sottoscrizione titoli
* Luogo sottoscrizione contratti (presso banca o fuori sede)

Per meglio inquadrare il caso specifico, sarebbe sicuramente utile una sintetica descrizione delle circostanze che hanno portato all’acquisto dei titoli e le informazioni ricevute in tali occasioni.
Dopo la presentazione di tutte le domande, scaduti i termini di rito, i commissari della procedura, formeranno lo Stato Passivo.
Esaminato lo stesso, qualora la richiesta di credito (Istanza di Ammissione al Passivo) non sia stata accolta, in tutto o in parte, il creditore dovrà attivarsi, entro giorni 15 dalla comunicazione, con una formale opposizione allo stato passivo, nell’ambito della quale insistere per l’accoglimento della domanda di credito.
L’utilità concreta di tale procedura dipenderà dalle possibilità di riparto a seguito della liquidazione del patrimonio attivo.
Inoltre si consiglia di monitorare l’eventuale pubblicazione in G.U. e in uno o più quotidiani a diffusione nazionale o locale di un avviso contenente l’invito di cui al comma 2 bis dell’art. 86, a consultare l’elenco provvisorio degli ammessi al passivo; al fine di intervenire tempestivamente, entro i termini di rito, con eventuali osservazioni e/o reclami ai commissari.

  1. Aspetto economico per l’istanza di cui al punto 1.
Al fine di consentire ed agevolare la predisposizione dell’Istanza di Ammissione al Passivo da parte degli associati, il costo del servizio è stato forfetizzato in € 500 + IVA per ciascuna istanza.

N.B. In caso di mancato accoglimento, qualora si renda necessario gestire la causa di opposizione allo Stato Passivo, dovrà essere sostenuto l’ulteriore costo per le spese processuali, da preventivare secondo tariffa forense.

  1. Ulteriori indicazioni (di carattere generale) per chi è anche debitore verso le suddette banche
Si consiglia di attivarsi comunque presso le Banche con apposita richiesta ai sensi dell’art.119 T.U.B., al fine di ottenere tutta la documentazione sottoscritta dal cliente e di cui al precedente elenco al fine di agire in maniera precauzionale a difesa di possibili eventuali azioni aggressive da parte della banca (Banca Intesa) per il recupero di un eventuale credito. A titolo di esempio si indicano: il saldo debitore di un conto corrente, un mutuo o un finanziamento in arretrato.

Stampa Email

Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza (VI) - Tel. 0444 232210 - Fax 0444 960835 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - C.F.80014910246