SPESOMETRO IVA, APINDUSTRIA CHIEDE UNA PROROGA

Vicenza, 4 novembre 2013

Le Pmi si rivolgono all’Agenzia delle Entrate e invocano più tempo per la compilazione dei moduli

Si avvicinano le scadenze previste dall’Agenzia delle Entrate per inviare le comunicazioni dello spesometro relativo al 2012. Le imprese dovranno fornire i dati delle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto entro il 12 novembre (per i soggetti con liquidazione Iva mensile), e il 21 novembre (per tutti gli altri soggetti).

Le imprese sono stressate dall’eccesso di burocrazia e dai continui cambiamenti. Apindustria Vicenza si è pertanto rivolta all’Agenzia delle Entrate per chiedere una proroga, o quantomeno la possibilità di effettuare la comunicazione anche oltre la scadenza senza incorrere nel rischio di sanzioni.

I motivi riguardano i ritardi nella pubblicazione degli strumenti necessari all’adempimento. E’ risalente, infatti, solo allo scorso 26 ottobre della prima versione del software per la compilazione della nuova comunicazione polivalente: uno strumento che, apprezzabilmente e doverosamente, l’Agenzia ha messo a disposizione gratuita degli operatori solo a meno di 11 giorni lavorativi dalla scadenza. Solo il giorno prima, inoltre, è stata altresì pubblicata la prima versione del software di controllo necessaria per eseguire la diagnostica sui file prodotti dagli altri software presenti nel mercato, e molte imprese stanno ricevendo solo in questi giorni gli aggiornamenti necessari per la gestione dell’adempimento relativo al 2012.

Vi sono poi alcune imprese che sviluppano direttamente (cioè al proprio interno) gli applicativi per l’estrazione dei dati dai propri gestionali e che riscontrano numerose difficoltà tecniche e interpretative legate al fatto che, tanto il Provvedimento con i tracciati del 2/8/2013, quanto i modelli con le istruzioni pubblicate in data 11/10/2013, contengono alcuni errori ed imprecisioni che l’Agenzia sta risolvendo soli in questi giorni.  

Le imprese hanno a ora a disposizione pochi giorni lavorativi per rispettare la prima scadenza e manca, altresì, una circolare che risolva i numerosi dubbi interpretativi che riguardano la nuova comunicazione polivalente. Considerata la generale situazione di incertezza, nel doveroso rispetto di tutti i contribuenti che vedono l’avvicinarsi della scadenza in mancanza di un quadro sufficientemente chiaro, Apindustria Vicenza ritiene non solo opportuna, ma assolutamente necessaria, una proroga delle scadenze del 12/11 e 21/11 prossimi venturi.

Va anche ricordato che:
1) lo Statuto del contribuente, nell’ispirarsi a principi di buona fede e collaborazione, prevede (art. 3, co.2) che la scadenza degli adempimenti a carico dei contribuenti non sia fissata anteriormente alla data dell’adozione dei provvedimenti di attuazione, e il provvedimento del 2/8/2013 non può rappresentare la data di riferimento considerato che il medesimo necessita di aggiustamenti;

2) l’art. 29 del D.L. n. 69 del 21/6/2013 (decreto del dare) dispone che anche in Italia venga fissata l’efficacia degli obblighi amministrativi introdotti a carico di cittadini e imprese al primo luglio o al primo gennaio successivi alla loro entrata in vigore sull’esempio della Commissione europea e di altri paesi dell’Unione europea.

Ricordando le eccessive complicazioni sorte in occasione della precedente campagna comunicativa, la categoria dei piccoli imprenditori vicentini raccomanda il massimo sforzo per arrecare il minor disagio possibile agli operatori già gravemente provati dalle diffuse difficoltà legate al perdurare della crisi.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza - C.F. 80014910246 - Trasparenza L.124/2017
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline