REQUISITI MASSIMI, COMPENSI MINIMI COSÌ LO STATO TRATTA I SUOI GIOVANI

Flavio Lorenzin contro il bando del ministero dei Beni Culturali per l’assunzione di 500 disoccupati

Laurea con il massimo dei voti e un inglese fluente certificato sono i requisiti necessari per un impiego da 30-35 ore settimanali a 5.000 euro lordi l'anno. L'offerta di lavoro non arriva da un'impresa qualunque, che in tal caso sarebbe tacciata di schiavismo, ma dallo Stato.

Sta facendo discutere il bando lanciato dal ministero dei Beni Culturali, che offre a 500 giovani disoccupati un'opportunità di impiego in attività di inventariazione e digitalizzazione del patrimonio culturale italiano, promettendo un misero compenso di circa 3,20 euro l'ora e senza buoni pasto.

A prendere posizione è anche il mondo delle imprese, con il presidente di Apindustria Vicenza Flavio Lorenzin: «Anziché investire sui giovani qualificati e promuovere il merito – spiega – lo Stato sfrutta queste risorse umane in maniera vergognosa, togliendo loro le speranze di un futuro dignitoso, e incentivandoli a scappare dal nostro Paese. Questo non mi meraviglia, dato che anche le nostre imprese stanno subendo un simile trattamento, e che sarebbero accusate di sfruttamento se ponessero simili condizioni».

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza - C.F. 80014910246 - Trasparenza L.124/2017
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline