Solidarietà Fiscale negli Appalti, eliminazione al varco

Bene l'annuncio (bozza decreto PA) sull’abrogazione della responsabilità fiscale negli appalti (art. 35 co. 28 ss D.L. 223/2006), darà un po’ di sollievo alle troppe imprese travolte dalla proliferazione giornaliera di autocertificazioni inutili.

“Questa volta, però, niente scherzetti politici”, chiosa Lorenzin di Apindustria Vicenza: "questa norma va abrogata, punto e a capo”. Le imprese lo chiedono a squarciagola da ottobre del 2012 e Apindustria e Confimi impresa hanno colto sin dalle prime ore questo appello facendosi parte attiva di numerose campagne di sensibilizzazione presso politici, ministeri e tecnici dell’Agenzia delle Entrate arrivando addirittura a minacciare l’avvio di una segnalazione comunitaria per violazione del principio di uguaglianza, distorsione della concorrenza e contrasto con i principi della direttiva 7 contro i ritardati pagamenti.

Questa disciplina autorizza il committente (debitore), pena l’irrogazione di pesanti sanzioni (da € 5.000 a € 200.000) a sospendere il pagamento se non riceve un’autocertificazione che attesti la regolarità del versamento, oggi, delle ritenute d’acconto e, fino al 22 giugno 2013, anche dell’Iva. Nel rapporto fra appaltatore e subappaltatore, poi, subentra pure la responsabilità solidale per l’inadempienza del secondo.

La norma ha dell’incredibile: riesce contemporaneamente ad avvallare il debitore che vuole sospendere il pagamento e a rendere la vita difficile a chi, invece, vuole pagare le proprie obbligazioni nei termini. Questa disciplina è censurabile sotto numerosi profili poiché: (1) ostacola il regolare funzionamento dei rapporti fra imprese nuocendo negativamente al sistema economico; (2) genera uno sproporzionato aggravio amministrativo (per nulla risolto con l’eliminazione dalla problematica ai fini Iva); (3) oltre che inopportuna ed iniqua è pure inutile poiché il fornitore che fa le frodi autocertifica senza remore; quello che non le fa, ma è in ritardo con il fisco, si vede costretto ad autocertificare il falso altrimenti non incassa i propri crediti e muore per asfissia finanziaria.

“Serve semplificazione, subito, lo continuiamo a dire da troppo tempo. Questa norma ha già fatto troppi danni e c’è quindi solo da augurarsi”, conclude Lorenzin, “che a breve diventi solo un brutto incubo da dimenticare in fretta.”



  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza - C.F. 80014910246 - Trasparenza L.124/2017
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline