DAI GIOVANI DI APINDUSTRIA UNO SGUARDO AL VENETO

Relatori: l'avv. Renzo Fogliata, Docente di Diritto Penale Università agli Studi di Padova e il dott. GianAngelo Bellati, Segretario Generale Unioncamere Veneto
Una Regione che vanta un Pil superiore a quello di 10 Stati dei 28 dell’Unione Europea, e che non ha debito pubblico ma credito pubblico, ossia residuo fiscale: questo è il Veneto emerso in un recente convegno promosso dal Gruppo Giovani di Apindustria Confimi Vicenza e da OGEP (Osservatorio dei Giovani dell'Economia e delle Professioni di Vicenza), occasione per un'analisi di natura giuridica ed economica di un territorio in cambiamento, ma sempre protagonista negli scenari economici grazie al proprio tessuto economico e produttivo.

E gli imprenditori vogliono sfruttare al meglio queste opportunità, come spiegato dalla presidente dei giovani di Apindustria, Elisa Beniero: «Le nostre aziende vogliono essere protagoniste di un Veneto sempre più centrale in Europa – ha spiegato – creando le giuste condizioni sia dal punto di vista economico, facendo ripartire i consumi, che giuridico, attraverso velocità di giudizio, certezza delle norme e della pena».

La parola è passata quindi all'avvocato Renzo Fogliata, docente di Diritto Penale all'Università degli Studi di Padova, difensore di un indipendentismo veneto che attira l'attenzione anche di diversi imprenditori, disposti a tutto pur di non vedersi schiacciati dalle inefficienze dello Stato centrale. Dopo una panoramica della storia giuridica del nostro Veneto tenuta dal giurista, il punto sull'economia è spettato al segretario generale di Unioncamere Veneto, Gian Angelo Bellati.

Secondo lo studio di Unioncamere Veneto, infatti, la nostra regione tornerebbe a correre se solo avesse in mano il 12% su un Pil regionale di 147 miliardi di euro: vale a dire trattenere un tesoretto da 17 miliardi. E per arrivare a questo obiettivo basterebbe estendere a tutte le regioni l'applicazione degli articoli 116 e 118 della Costituzione, che già oggi garantiscono poteri e condizioni privilegiate a Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Sicilia e Sardegna. Certo che se questi sono gli assetti istituzionali desiderati dagli imprenditori, il governo con la riforma del titolo V della Costituzione sta andando proprio nella direzione opposta e per questo la voglia di vera e propria indipendenza, come ultima e disperata reazione, sta riscuotendo sempre più appassionato interesse anche negli ambienti industriali.

Il dibattito ha riscosso grande partecipazione e interesse da parte dei giovani imprenditori: «La nostra associazione Apindustria Vicenza è apartitica e dialoga con ogni ideologia è aperta alle idee che non per forza viaggiano nel mainstream – ribadisce con soddisfazione Elisa Beniero – permettendo agli imprenditori di confrontarsi, esprimere liberamente il proprio pensiero e farsi delle domande. Questo è un Valore unico, che oggi è garantito solo da Apindustria, la vera Casa degli Imprenditori».

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Galleria Crispi, 45 - 36100 Vicenza - C.F. 80014910246 - Trasparenza L.124/2017
Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline