PMI VICENTINE: PEGGIORANO LE PREVISIONI DEGLI IMPRENDITORI

 I risultati della nuova indagine congiunturale realizzata da Apindustria Confimi Vicenza: il 46% dichiara una diminuzione del fatturato nel II semestre del 2020 e solo il 25% prevede una crescita nel I semestre 2021
 I risultati della nuova indagine congiunturale realizzata da Apindustria Confimi Vicenza: il 46% dichiara una diminuzione del fatturato nel II semestre del 2020 e solo il 25% prevede una crescita nel I semestre 2021
Da una parte le misure restrittive prolungate resesi necessarie per fronteggiare la “seconda ondata”, dall’altra i timori per i ritardi nella campagna di vaccinazione: alla luce di questi elementi, anche le aspettative degli imprenditori sono peggiorate nelle ultime settimane. È infatti all’insegna di una diffusa incertezza, se non di un vero e proprio pessimismo, l’andamento evidenziato dalla nuova indagine congiunturale realizzata da Apindustria Confimi Vicenza su un campione di oltre 100 imprese associate, rappresentative dei principali settori produttivi.
Più in dettaglio, nonostante la ripresa evidenziata in estate, per il II semestre del 2020 ben il 46% degli imprenditori intervistati dichiara una diminuzione o forte diminuzione del fatturato, il 41% della produzione e il 45% degli ordini. E le previsioni per il I semestre del nuovo anno sono all’insegna della grande prudenza: il 52% prevede un fatturato stabile, ma una quota rilevante (40%) si aspetta un’ulteriore contrazione; solo il 25% prevede una crescita. «È vero - sottolinea il presidente Rigotto - che c’è una quota significativa di aziende, soprattutto metalmeccaniche, che sta continuando a lavorare e ha in programma anche nuove assunzioni nei prossimi mesi, tuttavia mai come in questo momento abbiamo una percentuale così elevata di imprese che dichiara indicatori in negativo o che comunque esprime timori per il futuro. Inoltre è vero che la capacità di internazionalizzazione è un nostro punto di forza, ma l’80% delle nostre imprese esportatrici si muove comunque all’interno del mercato europeo, che da un anno è quasi fermo, a differenza di altri mercati che pur colpiti dalla pandemia si sono mantenuti più vivaci. Indubbiamente quindi la situazione è preoccupante, e come se non bastasse il perdurare della pandemia, più recentemente si è aggiunto anche un altro fenomeno: dal mese di dicembre stiamo assistendo ad un brusco e ingiustificabile rincaro di molte materie prime, frutto di mere speculazioni. Una situazione che rischia di colpire ulteriormente la marginalità delle imprese, già diminuita nell’ultimo anno e mezzo».
In questo delicato contesto, gli imprenditori vicentini confermano il proprio senso di responsabilità anche sul piano sociale: nonostante il momento difficile, solo un 15% pensa di ridurre l’organico una volta terminato il blocco dei licenziamenti, ma si tratta comunque di un dato in aumento rispetto alla precedente rilevazione.Rimane relativamente diffuso però il ricorso agli ammortizzatori sociali, a conferma delle difficoltà di molte aziende: nel II semestre del 2020 li ha utilizzati quasi il 63% e un 43% prevede di farvi ricorso anche nei prossimi mesi.
Gli imprenditori confermano invece il proprio impegno sul fronte degli investimenti: nei prossimi mesi, nel 69% delle imprese si manterranno su un livello stabile e addirittura il 18,5% li incrementerà; il 27% prevede invece una loro diminuzione. Anche le aree di investimento prioritarie rimangono confermate: miglioramento dei processi, formazione del personale, sviluppo di nuovi prodotti e investimenti IT.
Vicenza, 28 gennaio 2021
  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
© Apindustria Confimi Vicenza. Tutti i diritti sono riservati.